ATTESTATO PRESTAZIONE ENERGETICA

APE: ecco di cosa si tratta

Acronimo di Attestato di Prestazione Energetica, l'APE è il documento che descrive le caratteristiche energetiche di un immobile tramite una scala letterale che va da A4 (il punteggio massimo che contraddistingue gli edifici più efficienti dal punto di vista energetico) a G (il punteggio minimo, sinonimo del più elevato consumo di energia). Introdotta dal Decreto Legge numero 63 del 2013 e regolamentata da tre decreti interministeriali del 26 giugno 2015 (il cosiddetto Decreto Metodologie, il Decreto Relazione tecnica e il Decreto Linee guida), il nuovo Attestato di Prestazione Energetica sostituisce l'Attestato di Certificazione Energetica (ACE), viene rilasciato da un tecnico accreditato e fornisce una stima molto precisa dei consumi energetici di un edificio per il riscaldamento, la ventilazione, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria. Ecco una breve guida per conoscere nel dettaglio questo importante documento, obbligatorio per gli immobili di nuova costruzione e in caso di compravendita o locazione di edifici esistenti.

Alla scoperta delle informazioni contenute nell’APE

L'APE viene realizzato effettuando un'analisi energetica dell'immobile. I principali parametri presi in considerazione sono le caratteristiche geometriche e di esposizione, la tipologia degli impianti installati, l'eventuale presenza di impianti di ventilazione meccanica e di sistemi di produzione di energia rinnovabile e le caratteristiche delle murature e degli infissi. Venendo al contenuto dell'attestazione energetica, le informazioni riportate sono la prestazione energetica globale, la qualità energetica del fabbricato e la classe energetica, determinata attraverso l'indice di prestazione energetica globale ed espressa attraverso una scala letterale che va da A4 a G. Il documento precisa, inoltre, i requisiti minimi di efficienza energetica, le caratteristiche termo igrometriche, gli indici di prestazione energetica rinnovabile e non rinnovabile ed energia elettrica esportata, le emissioni di anidride carbonica e la quantità annua di energia consumata. Completano l'attestazione suggerimenti e raccomandazioni per il miglioramento dell'efficienza dal punto di vista energetico con la proposta degli interventi più significativi ed economicamente convenienti, oltre a informazioni correlate al miglioramento della prestazione energetica, quali gli incentivi di carattere finanziario e l'opportunità di eseguire diagnosi energetiche.

Obbligo dell’attestato di prestazione energetica: cosa c’è da sapere

L'APE è fondamentale per definire le caratteristiche di efficienza degli edifici, per quel che riguarda il consumo di energia. Proprio perché permette di conoscere il reale consumo energetico dell'immobile, l'APE va obbligatoriamente redatto in caso di compravendita e di locazione. Il certificato energetico obbligatorio va presentato anche in caso di donazione, di demolizione e ricostruzione e di interventi di ristrutturazione riguardanti oltre il 25% della superficie immobiliare. La certificazione è obbligatoria, inoltre, per gli immobili di nuova costruzione e qualora si voglia usufruire dell'Ecobonus per gli interventi di coibentazione. L'indice di prestazione energetica deve essere inserito anche negli annunci immobiliari di vendita ed affitto, qualsiasi sia il mezzo di informazione prescelto. L'APE ha una validità temporale di dieci anni, a meno che siano effettuati interventi di ristrutturazione o riqualificazione tali da modificare la classificazione energetica dell'edificio o dell'unità immobiliare.

L’APE per il Superbonus 110%

Per usufruire del Superbonus 110%, è necessario redigere l'APE prima e dopo l'intervento migliorativo in modo tale da dimostrare l'avanzamento di almeno due classi. Tale APE, cosiddetto convenzionale, non necessita di essere depositato nei catasti regionali e deve essere allegato, nella forma di dichiarazione sostitutiva di atto notorio, all'asseverazione destinata all'ENEA. Gli interventi di riqualificazione energetica globale e gli interventi sull'involucro edilizio (come la sostituzione di finestre ed infissi e l'installazione di strutture opache verticali o orizzontali) rientrano tra i lavori che impongono la predisposizione dell'APE pre e post intervento al fine di beneficiare delle detrazioni fiscali relative alle spese per gli interventi di efficientamento energetico.

A chi spetta redigere l’Attestato e quali sono i costi dell’APE?

Il certificatore energetico è una figura chiave nella redazione dell'Attestato. Si tratta di un tecnico qualificato (un architetto, un ingegnere, un geometra, un perito industriale) iscritto all'albo dei certificatori energetici e abilitato alla progettazione di edifici ed impianti con competenze specifiche in materia di efficientamento energetico. Obbligato a effettuare almeno un sopralluogo per acquisire e controllare i dati necessari alla redazione del documento, l'esperto incaricato sottoscrive in quarta pagina l'APE e trasmette la certificazione alla Regione o alla Provincia autonoma competente. Il richiedente riceve l'APE entro quindici giorni, decorrenti dalla trasmissione. Il costo dell'Attestato di prestazione energetica si aggira mediamente intorno ai 150 euro. In funzione della regione e della città in cui si trova l'immobile, l'importo richiesto al costruttore o al proprietario varia da un minimo di 70 euro a un massimo di 300 euro: i prezzi più bassi si riscontrano nelle regioni del Sud e nei piccoli centri.

VIVIweb LuceGas: la conveniente offerta di VIVI energia

Migliorare la qualità energetica è il primo passo da compiere per incrementare l'efficienza dell'immobile. Ma non basta. Altrettanto importante si rivela, per un concreto risparmio in bolletta, scegliere un affidabile fornitore con tariffe luce e gas convenienti. È il caso di VIVIweb LuceGas, la migliore offerta di VIVI energia che ti fa risparmiare grazie allo sconto sulla materia prima e un buono del valore di 50 euro da spendere online o per fare la spesa. Puoi scegliere tra la tariffa monoraria per non avere vincoli di orario e l'opzione bioraria se i consumi sono maggiori di sera o nel fine settimana. Per la componente luce utilizzi energia proveniente da fonti rinnovabili e ricevi un'unica bolletta mensile gas e luce per tenere sotto controllo i tuoi consumi. Scegliendo VIVIweb LuceGas, partecipi al programma fedeltà VIVI Vip e con VIVI energia App gestisci comodamente la fornitura.

Il contenuto è a scopo informativo per cui Vivigas S.p.A. non si assume la responsabilità in caso di errori/omissioni e invita sempre il cliente a visitare il sito di Arera per qualsiasi verifica o approfondimento.